ULTIMA OCCASIONE PER PREORDINARE SNAPMAKER 2.0 E RISPARMIA SUBITO FINO A € 400!

Come abbiamo raggiunto $1 milioni in 7 minuti su Kickstarter

Non abbiamo avuto la possibilità di vedere il raggiungimento dell'obiettivo di $100.000 della campagna Kickstarter: è avvenuto tutto troppo in fretta. Da ciò che abbiamo intuito, la pagina si è addirittura interrotta brevemente per via della quantità di sostenitori che l'hanno visitata. Era mezzanotte qui a Shenzhen e stavamo osservando con impazienza i dati dei visitatori su Google Analytics. Nel giro di sette minuti, per l'esattezza, avevamo raggiunto l'incredibile cifra di $1 milioni, stabilendo un nuovo record su Kickstarter. Al momento, abbiamo superato $4 milioni e ci siamo rimessi al lavoro per costruire la versione 2.0 della stampante 3D 3 in 1 e taglierina CNC e laser che ci ha permesso di conquistare questa fedele base di fan.

Il nostro credo è quello di mantenere le promesse prima di aggiungere nuove funzioni

Questo non è il nostro primo successo. Nel 2017 anche il nostro modello originale ha raggiunto l'obiettivo di finanziamento in pochissimi minuti. La nostra straordinaria innovazione è stata quindi la fattura di qualità interamente in metallo che combina tre strumenti essenziali per i creatori. Per quanto impressionante, i nostri sostenitori continuavano a richiederci di aggiungere più funzioni visto che il finanziamento ottenuto era aumentato ben oltre la nostra richiesta iniziale. Questo succede a molti progetti di crowdfunding, ma abbiamo deciso che una modifica in quella fase avrebbe introdotto troppe variabili che potevano avere un impatto sulla stabilità e sulla qualità del prodotto.

Quindi abbiamo ascoltato la nostra community il più possibile cercando di mitigare i rischi del creep (deformazione viscosa) di funzionalità. Abbiamo apportato alcuni piccoli miglioramenti tra cui la realizzazione di una testina laser più robusta, l'aggiunta di un contenitore e di un interruttore di apertura dello sportello per la sicurezza e il rilascio di un modulo Z più lungo per i modelli alti. Tuttavia, ci siamo visti costretti ad attendere prima di effettuare aggiornamenti più importanti.

Creazione di una community in cui si apprende e si impara l'uno dall'altro

Tra un aggiornamento e l'altro, abbiamo inoltre puntato a investire nella nostra community. La stampa 3D, il taglio laser e il routing CNC presentano tutti una certa curva di apprendimento e la creazione di una community attiva può supportare l'educazione oltre che generare feedback informativi in relazione all'uso pratico nel mondo reale dei nostri prodotti. Abbiamo messo in connessione oltre 10.000 sostenitori tramite un gruppo Facebook e un forum per consentire agli utenti di chattare e condividere, oltre a una Knowledge Base con una guida introduttiva, suggerimenti per la risoluzione dei problemi e una sezione delle domande frequenti. Nel giro di un'ora, questi sostenitori hanno risposto reciprocamente alle domande l'uno dell'altro, hanno mostrato il lavoro di cui si stavano occupando e hanno anche creato rapporti di amicizia. Abbiamo anche iniziato a organizzare varie Makerathon per aiutare le persone a vedere con i propri occhi tutto ciò che è possibile con Snapmaker. Senza una community come questa, non avremmo mai potuto sapere di cosa avesse realmente bisogno il nostro modello 2.0 per essere perfetto o attirare sostenitori entusiasmati.

Mettere in sospeso i miglioramenti iterativi, ci ha permesso di creare spazio per pensare in modo più ampio

Dopo aver spedito tutte le nostre Snapmaker originali, abbiamo potuto rimetterci al lavoro. Abbiamo fatto un passo indietro, rivalutato il prodotto da zero e considerato alcuni miglioramenti maggiormente rivoluzionari. Molti creatori procedono facendo affidamento su iterazioni continue. Riteniamo di essere stati in grado di pensare in modo più innovativo e di aver entusiasmato al meglio la nostra fedele base di sostenitori, proprio per il fatto che abbiamo deciso fermamente di avviare la produzione del modello 2.0 con una nuova prospettiva.

Sulla base di ciò che la nostra community è stata in grado creare, dagli accessori personalizzati e dai coperchi resistenti, alla polvere agli strumenti rotanti e alle macchine fotografiche per monitorare i progressi di stampa, uno dei nostri più ambiziosi obiettivi è stato quello di rendere il tutto più modulare e più adattabile alle diverse esigenze dei nostri sostenitori. Abbiamo iniziato la prototipazione in una gamma di dimensioni più ampia, abbiamo aggiunto sensori e una fotocamera integrata per renderla più intelligente e abbiamo creato un mandrino CNC più potente. Desideravamo portare la modularità a un livello superiore, offrendo ai creatori la flessibilità in quel momento, ma anche in futuro, quando diventerà disponibile una nuova tecnologia.

L'adozione dell'espansione del CAN (Controlled Area Network)-bus è stata uno dei modi più significativi in cui siamo stati in grado di mettere in pratica tutto questo. È una tecnologia, spesso utilizzata per l'automazione di veicoli e robot industriali, che consente ai microcontroller di scambiare informazioni tra loro nelle applicazioni senza complicate connessioni elettriche. È possibile aggiungere nuove funzioni semplicemente tramite il software. Si tratta di una tecnologia solida, efficiente e flessibile. Sulla base di quanto a nostra conoscenza, nessun'altra stampante 3D la utilizza.

Utilizzando il protocollo CAN-bus, il controller è in grado di collegare tutti i moduli e i componenti aggiuntivi al sistema Snapmaker 2.0. Ogni modulo e componente aggiuntivo contiene un chip per ricevere tutti i messaggi trasmessi e rispondere a questi. Invece di una scheda di controllo più grande con cavi aggrovigliati, abbiamo aggiornato il nostro prodotto con porte universali, adattatori multiporta e un hub CAN per l'aggiunta di ulteriori porte CAN-bus. In tal modo, ci è possibile procedere con una facile modifica e con l'aggiunta di ulteriori porte e controlli in futuro. Ci consente persino di includere i nostri sostenitori nello sviluppo di nuove funzionalità, modalità che ha attirato l'attenzione di molti utenti KOL (Key Opinion Leader) professionisti che fanno risuonare ampiamente il progetto con i loro follower.

Equilibrio di adattabilità e convenienza

Il costo rappresentava un'enorme limitazione per questo prodotto. La maggior parte dei produttori di stampanti 3D fai da te cerca di rendere il costo un vantaggio competitivo, ma la nostra configurazione implicava un costo maggiore per Snapmaker 2.0. Modificando il meccanismo di comunicazione, abbiamo aggiunto una dozzina di chip in ciascun modulo. La fotocamera integrata sulla testina laser, il nuovo sensore e lo schermo a sfioramento intelligente non sono certamente gratuiti. È stato molto impegnativo realizzare la prima versione del nostro elenco dei materiali (distinta base) per la produzione. Davvero tanto. Questi miglioramenti hanno spinto il nostro prezzo al livello di prodotti quali Ultimaker e Formlabs.

Abbiamo esaminato attentamente l'intero elenco DBA, abbiamo trascorso diversi mesi a rivedere il nostro elenco di ottimizzazione e abbiamo quindi perfezionato il design. Alla fine siamo giunti alla versione che stiamo lanciando ora, con i prezzi per i primi interessati che si aggirano sui $600 per il modello più piccolo e $1.000 su Kickstarter, ma che in seguito dovremo vendere a prezzi più alti attorno a $1.200-$1.800. Siamo contenti del posizionamento del prodotto raggiunto ora e non vediamo l'ora di condividerlo con la nostra community in continua espansione.

Non abbiamo avuto la possibilità di vedere il raggiungimento dell'obiettivo di $100.000 della campagna Kickstarter: è avvenuto tutto troppo in fretta. Da ciò che abbiamo intuito, la pagina si è addirittura interrotta brevemente per via della quantità di sostenitori che l'hanno visitata. Era mezzanotte qui a Shenzhen e stavamo osservando con impazienza i dati dei visitatori su Google Analytics. Nel giro di sette minuti, per l'esattezza, avevamo raggiunto l'incredibile cifra di $1 milioni, stabilendo un nuovo record su Kickstarter. Al momento, abbiamo superato $4 milioni e ci siamo rimessi al lavoro per costruire la versione 2.0 della stampante 3D 3 in 1 e taglierina CNC e laser che ci ha permesso di conquistare questa fedele base di fan.

Il nostro credo è quello di mantenere le promesse prima di aggiungere nuove funzioni

Questo non è il nostro primo successo. Nel 2017 anche il nostro modello originale ha raggiunto l'obiettivo di finanziamento in pochissimi minuti. La nostra straordinaria innovazione è stata quindi la fattura di qualità interamente in metallo che combina tre strumenti essenziali per i creatori. Per quanto impressionante, i nostri sostenitori continuavano a richiederci di aggiungere più funzioni visto che il finanziamento ottenuto era aumentato ben oltre la nostra richiesta iniziale. Questo succede a molti progetti di crowdfunding, ma abbiamo deciso che una modifica in quella fase avrebbe introdotto troppe variabili che potevano avere un impatto sulla stabilità e sulla qualità del prodotto.

Quindi abbiamo ascoltato la nostra community il più possibile cercando di mitigare i rischi del creep (deformazione viscosa) di funzionalità. Abbiamo apportato alcuni piccoli miglioramenti tra cui la realizzazione di una testina laser più robusta, l'aggiunta di un contenitore e di un interruttore di apertura dello sportello per la sicurezza e il rilascio di un modulo Z più lungo per i modelli alti. Tuttavia, ci siamo visti costretti ad attendere prima di effettuare aggiornamenti più importanti.

Creazione di una community in cui si apprende e si impara l'uno dall'altro

Tra un aggiornamento e l'altro, abbiamo inoltre puntato a investire nella nostra community. La stampa 3D, il taglio laser e il routing CNC presentano tutti una certa curva di apprendimento e la creazione di una community attiva può supportare l'educazione oltre che generare feedback informativi in relazione all'uso pratico nel mondo reale dei nostri prodotti. Abbiamo messo in connessione oltre 10.000 sostenitori tramite un gruppo Facebook e un forum per consentire agli utenti di chattare e condividere, oltre a una Knowledge Base con una guida introduttiva, suggerimenti per la risoluzione dei problemi e una sezione delle domande frequenti. Nel giro di un'ora, questi sostenitori hanno risposto reciprocamente alle domande l'uno dell'altro, hanno mostrato il lavoro di cui si stavano occupando e hanno anche creato rapporti di amicizia. Abbiamo anche iniziato a organizzare varie Makerathon per aiutare le persone a vedere con i propri occhi tutto ciò che è possibile con Snapmaker. Senza una community come questa, non avremmo mai potuto sapere di cosa avesse realmente bisogno il nostro modello 2.0 per essere perfetto o attirare sostenitori entusiasmati.

Mettere in sospeso i miglioramenti iterativi, ci ha permesso di creare spazio per pensare in modo più ampio

Dopo aver spedito tutte le nostre Snapmaker originali, abbiamo potuto rimetterci al lavoro. Abbiamo fatto un passo indietro, rivalutato il prodotto da zero e considerato alcuni miglioramenti maggiormente rivoluzionari. Molti creatori procedono facendo affidamento su iterazioni continue. Riteniamo di essere stati in grado di pensare in modo più innovativo e di aver entusiasmato al meglio la nostra fedele base di sostenitori, proprio per il fatto che abbiamo deciso fermamente di avviare la produzione del modello 2.0 con una nuova prospettiva.

Sulla base di ciò che la nostra community è stata in grado creare, dagli accessori personalizzati e dai coperchi resistenti, alla polvere agli strumenti rotanti e alle macchine fotografiche per monitorare i progressi di stampa, uno dei nostri più ambiziosi obiettivi è stato quello di rendere il tutto più modulare e più adattabile alle diverse esigenze dei nostri sostenitori. Abbiamo iniziato la prototipazione in una gamma di dimensioni più ampia, abbiamo aggiunto sensori e una fotocamera integrata per renderla più intelligente e abbiamo creato un mandrino CNC più potente. Desideravamo portare la modularità a un livello superiore, offrendo ai creatori la flessibilità in quel momento, ma anche in futuro, quando diventerà disponibile una nuova tecnologia.

L'adozione dell'espansione del CAN (Controlled Area Network)-bus è stata uno dei modi più significativi in cui siamo stati in grado di mettere in pratica tutto questo. È una tecnologia, spesso utilizzata per l'automazione di veicoli e robot industriali, che consente ai microcontroller di scambiare informazioni tra loro nelle applicazioni senza complicate connessioni elettriche. È possibile aggiungere nuove funzioni semplicemente tramite il software. Si tratta di una tecnologia solida, efficiente e flessibile. Sulla base di quanto a nostra conoscenza, nessun'altra stampante 3D la utilizza.

Utilizzando il protocollo CAN-bus, il controller è in grado di collegare tutti i moduli e i componenti aggiuntivi al sistema Snapmaker 2.0. Ogni modulo e componente aggiuntivo contiene un chip per ricevere tutti i messaggi trasmessi e rispondere a questi. Invece di una scheda di controllo più grande con cavi aggrovigliati, abbiamo aggiornato il nostro prodotto con porte universali, adattatori multiporta e un hub CAN per l'aggiunta di ulteriori porte CAN-bus. In tal modo, ci è possibile procedere con una facile modifica e con l'aggiunta di ulteriori porte e controlli in futuro. Ci consente persino di includere i nostri sostenitori nello sviluppo di nuove funzionalità, modalità che ha attirato l'attenzione di molti utenti KOL (Key Opinion Leader) professionisti che fanno risuonare ampiamente il progetto con i loro follower.

Equilibrio di adattabilità e convenienza

Il costo rappresentava un'enorme limitazione per questo prodotto. La maggior parte dei produttori di stampanti 3D fai da te cerca di rendere il costo un vantaggio competitivo, ma la nostra configurazione implicava un costo maggiore per Snapmaker 2.0. Modificando il meccanismo di comunicazione, abbiamo aggiunto una dozzina di chip in ciascun modulo. La fotocamera integrata sulla testina laser, il nuovo sensore e lo schermo a sfioramento intelligente non sono certamente gratuiti. È stato molto impegnativo realizzare la prima versione del nostro elenco dei materiali (distinta base) per la produzione. Davvero tanto. Questi miglioramenti hanno spinto il nostro prezzo al livello di prodotti quali Ultimaker e Formlabs.

Abbiamo esaminato attentamente l'intero elenco DBA, abbiamo trascorso diversi mesi a rivedere il nostro elenco di ottimizzazione e abbiamo quindi perfezionato il design. Alla fine siamo giunti alla versione che stiamo lanciando ora, con i prezzi per i primi interessati che si aggirano sui $600 per il modello più piccolo e $1.000 su Kickstarter, ma che in seguito dovremo vendere a prezzi più alti attorno a $1.200-$1.800. Siamo contenti del posizionamento del prodotto raggiunto ora e non vediamo l'ora di condividerlo con la nostra community in continua espansione.

Lascia un commento

Nome .
.
Messaggio .

Nota: i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Italian